LAVORI  svolti dalla classe 4B MAT

Il progetto TUTTI IN MOSTRA nasce negli anni passati da un’idea del prof. VACCARO Valter di Lab. Elettronica

Lo scopo era quello di far lavorare tutti i ragazzi su un argomento comune e far confluire tutti gli elaborati grafici, pittorici e i materiali prodotti in una mostra web di fine anno.

In tutti questi anni i ragazzi hanno approfondito temi di impiantistica, strutturazione di costruzione e progettazione di impianti elettrici; certamente si tratta di un modo molto più stimolante e piacevole per conoscere la materia trattata.

Il progetto parte dalla ricerca delle immagini da parte dell’insegnante che offre un percorso-stimolo iniziale e si sviluppa attraverso la scoperta visiva delle opere proposte.

La sperimentazione di tecniche e materiali diversi porta, poi, ad elaborazioni grafiche, pittoriche e architettoniche individuali e di gruppo.

Si stimolano, così, processi di creazione e utilizzo di linguaggi espressivi e si potenziano la capacità di lettura dell’immagine e realizzazione di impiantistiche elettriche.

Il percorso permette, inoltre, di intraprendere lavori trasversali tra docenti di discipline diverse e di far confluire in un unico progetto le singole iniziative.

Infine, la valorizzazione del lavoro eseguito, con la mostra web conclusiva, contribuisce ad aumentare l’autostima dei ragazzi che diventano i protagonisti di un evento artistico e il lavoro collettivo svolto li rende anche consapevoli di far parte di un ambiente educativo più ampio.

 

Foto dei lavori svolti:

 


Per alunni provenienti da IIeFP che vogliono iscriversi al 5 Anno è prevista in data 16 Maggio 2022 alle ore 16.00 una riunione di Orientamento on line su Jitsi Meet, in cui gli orientatori della scuola potranno rispondere direttamente a tutte le domande riguardanti le modalità di iscrizione, le prove integrative e di idoneità, eventuali ed altre curiosità.

Per avere le credenziali di accesso alla riunione è necessario selezionare il seguente link https://forms.office.com/r/i95BNhnE8Q

Inoltre potete contattare direttamente i seguenti professori:

Docente Corsi di riferimento Recapito telefonico
Amadio Maurizio – Chimico

– Manutenzione e  assistenza tecnica

3479053731 Il lunedì e martedì dalle 9.00 alle 12.00
Caponetti Simone – Servizi Commerciali

– Servizi Socio-sanitari

3332255064 Martedì 14.00-20.00
Romani Eleonora Produzioni Tessili Sartoriali 3470119038 Inviare sms

 


Federico Bassani all’Olivieri:

Intervista ad un campione nello Sport e nella vita

 

A cura della 2A SC dell’IPIAS Olivieri (Tivoli, Guidonia)

Anche con i record nazionale ed europeo…continua l’umiltà dell’atleta Federico Bassani, per noi un campione non solo nello Sport ma anche nella Vita.

Bassani, classe 1996, non si occupa solo di sport. La sua agenda settimanale è fitta di impegni: non solo gli allenamenti, ma anche lo studio universitario, frequenta Ingegneria Biomedica; la musica, preferisce ascoltare punk rock degli anni ‘90 e 2000, Caparezza e musica elettronica; gli amici e la Playstation. Sì, perché gli piace molto giocare alla Play, ora accessibile, solo per alcuni giochi come The last of us parte 2, anche ai non vedenti. Senza dimenticare il suo nipotino, nato  il giorno in cui stava gareggiando per gli europei del 2018. Volevo dedicare la medaglia ad Antonio ma per 41 centesimi sono arrivato quarto.

 Ricordando quei momenti, i ragazzi chiedono Sappiamo che nel 2018 negli Europei di Dublino hai ottenuto il record nazionale…è difficile e faticoso tenere questi ritmi?

Non ve lo nascondo, l’allenamento è abbastanza tosto e il giorno di riposo è la domenica.

Cosa ti piace del nuoto?

Anche se è uno sport individuale e io preferisco quelli di squadra, mi piace che nell’acqua sei solo e libero tranne quando devo fare la virata; è una bellissima sensazione.

Tu come fai la virata? Come fai a capire che la vasca è finita?

C’è uno strumento che viene utilizzato, si chiama tapper, è un bastone con alla fine una pallina di gommapiuma. Viene autoprodotto, a me lo fa mio padre, con una canna da pesca. Ci si accorda in precedenza e, quando sta arrivando il momento di fare la virata, l’atleta viene avvertito in modo tattile.

Atleti preferiti nel nuoto o in generale?

Nel nuoto, la Pellegrini rimarrà per sempre. Rosolino è un po’ l’atleta del passato. Ricordo che vedevo le sue gare con mio padre.

Mi ispiro molto alla forza di volontà di Alex Zanardi. Nel calcio posso dirvi Immobile.

Pensi a qualcosa/qualcuno prima delle gare?

Prima di una gara non penso a nulla. La tensione fa sì che penso solo a quel momento. A Tokyo purtroppo ho potuto nuotare solo nello stile rana.

L’allenamento che ti piace di più?

Mi piace allenarmi nella velocità. Mi piace meno il massimo consumo di ossigeno con poco recupero. Mi piace anche fare pesi.

Rinunci a qualcosa per fare tanto allenamento?

Non rinuncio a nulla. Ormai la mia vita è equilibrata così facendo da molto tempo questo sport.

Qualche anticipazione per Parigi 2024?

Considerate che le convocazioni vengono fatte in base ai risultati/prestazioni della squadra. Continuo ad allenarmi dando il meglio.

La domanda più semplice è quella dei tuoi obbiettivi…quante volte ti alleni per raggiungerli?

Ci pensavo in questi giorni: ci sono i mondiali a giugno. Sto cercando di allenarmi al meglio anche se è davvero complicato. Ce l’avrò comunque messa tutta.

 Certo, la forza di volontà non manca a Federico, che ha perso la vista quando era ancora un bambino. Come hai reagito quando lo hai scoperto? 

Ho perso la vista a 5 anni e mezzo. Da bambino me lo hanno detto e io sono rimasto un po’ in silenzio e ho detto “Non è giusto”.

 Eppure la sua umiltà e la sua autonomia non smettono di stupirci e anche noi iniziamo a credere alla leggenda… secondo cui io vedo perché sono molto indipendente. In macchina chiedo “ma non ti conviene fare quella strada per fare prima?” Il merito è certamente dei miei genitori, io a 11- 12 anni cucinavo da solo.

Ma la curiosità dei ragazzi della 2A SC è sullo Sport, non solo sul nuoto, ma più in generale così come la passione di Federico, non nuovo ad interviste con studenti.

Pratichi altri sport oltre al nuoto?

Pratico baseball, ma ho fatto anche equitazione, sci e l’anno scorso ho iniziato calcetto. Mi affascina molto provare il surf.

In che ruolo giochi nel baseball?

Nel baseball sono sia battitore che interbase (difesa). Nel baseball c’è anche una presenza familiare, mio padre è l’assistente vedente.

È scontato dire che quando nuoti provi emozioni, con la nostra intervista stai provando emozioni, ti senti a tuo agio?

Si, a me piace molto soprattutto parlare di sport nelle scuole.

Ed ora le domande sulla sicurezza nello Sport: il benessere psico-fisico e le regole pre e post-Covid. L’alimentazione per gli atleti è di fondamentale importanza.Tu quale alimentazione esegui? 

Ho iniziato ad andare dal nutrizionista l’anno scorso. Prima mi gestivo da solo e con il mio allenatore. Nella fase attuale mangio circa 3000 calorie al giorno. Cerco sempre di variare quello che mangio.

Qual è il tuo cibo preferito?

La pasta.

Come ha cambiato il Covid il nuoto e cosa pensi delle restrizioni? 

La cosa più difficile è stata la finale a Tokyo dove nonostante ci fossero solo 200 ragazzi a guardare la finale quando entro l’atleta giapponese mi si è stretto il cuore. Se ci fosse stato il pubblico sarebbe stato peggio.

 Lo sport ha anche dei lati negativi, ad esempio il doping. Cosa ne pensi di chi ne fa uso?

 E’ un argomento molto spinoso anche se la risposta è semplice perchè chi cerca di migliorare la performance sportiva migliorandola attraverso l’uso di sostanze che di fatto la migliorano, non è un vero sportivo. Un conto sono gli integratori mentre un altro queste sostanze che rovinano il messaggio dello sport, il rispetto degli avversari e il concetto di sport. 

Federico non nasconde la voglia di avere una famiglia…magari più in là, ora pensa a prepararsi per i mondiali di giugno e noi, gli facciamo un grosso “In bocca al lupo!”.

 (Fonte fotografia: https://sportrealeyes.it/federico-bassani/)

 AUTORI                                                                     HANNO COLLABORATO

Anton Dennis Alessio                                                       Fuda Daniele

Corporan Ezequiel                                                            Hileuskaja Natallia

Cotugno Francesca                                                            Innocenti Mattia

Dante Denise

Favetti Emanuele

Fracchiolla Luca

Paduraru Angelo Mario

Paolantoni Alessandro

Valentini Mattia

Vendetti Thomas

Intervistare Bassani è stata per noi un’esperienza formativa molto emozionante, una “lezione di vita”. Per questo ringraziamo vivamente Federico per la sua grande disponibilità e la DS Prof.ssa Anna Vicidomini per aver reso possibile il tutto. Non dimentichiamo di ringraziare l’educatrice Veronica Grisci e la prof.ssa Valentina Ierrobino per aver guidato, passo dopo passo, il nostro lavoro.

 


Perchè scegliere l’OLIVIERI DI TIVOLI…

Da Nord a Sud ecco i migliori istituti professionali per trovare lavoro

Grazie all’archivio delle migliori scuole d’Italia, realizzato ogni anno dalla Fondazione Agnelli, si possono trovare anche gli istituti professionali che offrono un rapido accesso al mondo del lavoro. Ecco quali sono in dieci grandi città del nostro Paese:

formazione professionale
La scelta della scuola superiore è una decisione molto delicata per moltissimi studenti perché di fatto è in quel momento che getteranno le basi del loro futuro. A maggior ragione ciò vale per chi ha già deciso che, dopo il diploma, non proseguirà gli studi e si concentrerà sulla ricerca di un lavoro. Nel loro caso, potrebbe essere molto utile scegliere un istituto tecnico o professionale, specie se questi garantiscono un’occupazione in tempi rapidi una volta finita la scuola. Così, anche quest’anno, in soccorso dei ragazzi e delle loro famiglie arriva il report Eduscopio della Fondazione Agnelli sulle scuole secondarie superiori in Italia, che valuta le performance dei vari istituti d’Italia, divisi per città e area didattica. Nel caso dei “professionali”, le analisi e i confronti di Eduscopio.it vertono soprattutto su un obiettivo finale ben preciso: la capacità degli istituti di preparare e orientare gli studenti verso il mondo del lavoro.

I “professionali” che occupano di più: la classifica di Eduscopio.it

Nel farlo, la Fondazione Agnelli ha preso in considerazione due indicatori fondamentali: la percentuale dei diplomati “occupati” (che hanno lavorato per più di sei mesi in due anni dal diploma) in rapporto ai diplomati che non si sono immatricolati all’università e la coerenza tra studi fatti e il lavoro svolto. Così facendo, Eduscopio.it consente di comparare le scuole dei vari indirizzi di studio nell’area in cui si risiede. Per aiutare ulteriormente i ragazzi e le loro famiglie in questa difficile ricerca, il portale Skuola.net ha consultato l’archivio con lo scopo di stilare la lista dei migliori istituti professionali italiani che preparano al mondo del lavoro, divisi per area didattica, in 10 grandi città d’Italia; vediamoli insieme nel dettaglio.

Roma

Nella Capitale, al primo posto tra gli istituti professionali del settore “servizi” troviamo l’istituto “Tor Carbone” con una percentuale di occupazione di quasi il 59%; secondo posto per l’istituto paritario “Safi Elis” (anche lui con circa il 59% di successi); terzo posto per l’“Amerigo Vespucci”, che presenta una percentuale di occupazione del 57%. Uscendo leggermente dalla città, si segnala l’istituto “Paolo Baffi” di Fiumicino, che con un tasso di occupazione del 59% sale di diritto sul podio.

Per quanto riguarda, invece, gli istituti professionali “industria e artigianato”, la classifica vede al primo posto l’istituto “De Amicis – Cattaneo” che offre una percentuale di occupazione del 57%, seguito in seconda posizione dal “Piaget – Diaz” e in terza dal “Carlo Urbani”, entrambe con una percentuale del 43%. Estendendo però, la ricerca a un territorio più ampio notiamo come il secondo e terzo posto vengono conquistati rispettivamente dall’istituto “Orazio Olivieri” di Tivoli (56% di occupazione) e dal “Borsellino – Falcone” di Zagarolo (50% di occupati)….

Articolo intero clicca qui


Scegli ISTITUTO “O.OLIVIERI”…

…fai nascere il tuo futuro

 

 

 

 

clicca QUI per informazioni

 


Presso la sede di GUIDONIA in Via Zambeccari 1,   è organizzato un Contact Center volto ad avviare feedback e condivisioni con studenti e famiglie, oltre che a mantenere vivo il dialogo con il territorio.

Saranno presenti docenti dello Staff volti a raccogliere le esigenze delle famiglie e degli studenti analizzandone con la dirigenza le più opportune valutazioni.

Sarà attiva una linea telefonica  Infoline sul numero 06121122365 di supporto alle richieste di informazioni inevase a causa dell’impossibilità di risposta
degli edifici di viale G Mazzini di Tivoli.


Al fine di ricevere in comodato d’uso gratuito Device o dispositivi digitali mobili, i Coordinatori dei Consigli di Classe invieranno alle famiglie il Modulo di Richiesta allegato alla presente ( All 1). Raccoglieranno le istanze contenenti la DICHIARAZIONE O NON DICHIARAZIONE comprovante la necessita’ di ricevere device e/o dispositivi digitali mobili per consentire al/alla proprio/a figlio/a la fruizione della didattica digitale integrata attivata in seguito alla Comunicazione di interdizione integrale dell’edificio di viale G. Mazzini, 65 di Tivoli prot. n. CMRC-2021-0133939 del 13 settembre 2021 e fino alla ripresa delle attivita’ in presenza in una unica cartella rinominata come “Classe_Sezione_Richiesta Device” e la invieranno NEL PIU’ BREVE TEMPO POSSIBILE E MASSIMO ENTRO LUNEDI’ 20 SETTEMBRE 2021, all’indirizzo di posta elettronica device2021@ipiasolivieri.edu.it


PER METTERSI IN CONTATTO CON L’ISTITUTO E GLI UFFICI UTILIZZARE SOLAMENTE EMAIL :         

           rmri08000g@istruzione.it

“L’ ISTITUTO E LE  SEGRETERIE SONO CHIUSE”


LETTERA APERTA AL PERSONALE SCOLASTICO, ALLE FAMIGLIE, ALLE STUDENTESSE ED AGLI STUDENTI…